JOINT VENTURE MAGISTRATURA-ESTABLISHMENT?

Sono tempestato di mail che mi chiedono di prendere posizione sul caso Tribunale dei Ministri-Matteo Salvini. Mi pare ridicolo che chi aveva previsto tutto prenda posizione su una notizia che per lui è una non notizia. Sapevo (perché sono vecchio, perché ne ho viste di tutti i colori, perché l’establishment lo conosco più delle mie ...

I DIOSCURI AZZOPPATI

Due notazioni: 1 Sabato 25 gennaio esce sul mio Blog, ripreso da alcuni giornali, il Cameo (Liquidati Giuseppi e Movimento 5 stelle tornerà l’alternanza fra destra e sinistra). Nel pezzo, premetto per l’ennesima volta che sono personalmente indifferente al risultato, mi limito a osservare che queste elezioni certificheranno la fine dei pentastellati e del loro imbarazzante ...

MAGGIO 2019: IL LEADER AZZIMATO VS. IL LEADER PRIMITIVO

Negli anni Ottanta lessi un libro del filosofo parigino Paul Virilio (un mio coetaneo, morto alcuni giorni fa):“Velocità e Politica. Saggio di dromologia” (Multhipla Editore). Lo confesso, allora non capii la profondità del suo pensiero, specie il nesso ambiguo che c’era nel suo affresco-trittico “velocità-politica-potere”. Lo capii solo quando la mia generazione subì la doppia ...

Di Maio e Salvini sono all’ultimo miglio

Dal punto di vista dell’establishment, nostrano ed europeo, queste elezioni sono state una débâcle. Dopo essersi inventato un immanente pericolo fascista, poi evaporato al primo sole come una fake news istituzionale, hanno dovuto consuntivare la sconfitta dei tre (“vecchi”) che dovevano vincere (Renzi, Berlusconi, Grasso) e la vittoria dei tre (“giovani”) che dovevano perdere (Di ...

Scegliendo il professor Bagnai, Salvini ha fatto Bingo. Trump e Credit Suisse l’hanno aiutato

Quando ero un ragazzino di 10 anni per uno choc (ferito da una bomba alleata) divenni balbuziente. Allora mi buttai in giochi che avessero il silenzio come prerequisito: scelsi gli scacchi. Capii subito che, malgrado lo studio e l’impegno, sarei stato un giocatore mediocre, tendente al discreto. Mi concentrai quindi prima nella difesa, poi nelle ...

I cinque leader che il 4 marzo si daranno battaglia hanno tutti faccia ‘ngialluta

L’Espresso ha dedicato due pagine ai cinque leader che il 4 marzo si daranno battaglia, con foto e percentuale di voti: Luigi Di Maio (cravatta) 27,5%; Matteo Renzi (maglioncino) 24,1%; Silvio Berlusconi (cravatta) 15,8%; Matteo Salvini (camicia) 13,7%; Pietro Grasso (cravatta) 6,8%. Credo ai sondaggi solo se va a votare lo stesso “mix” di elettori ...

Adesso siamo pronti a votare: vogliamo andarci subito

I primi due atti che ci porteranno alle elezioni di primavera si sono compiuti, i referendum del Lombardo-Veneto li ha vinti Matteo Salvini, le elezioni siciliane Nello Musumeci. Perché ha vinto? Nessuno finora aveva avuto l’idea di scegliere, per la Presidenza della Regione Sicilia, un candidato semplicemente capace di governare, e a detta anche degli ...