E’ NATO IN RETE UN FUMETTO PARA DIGITALE: IL SIGNOR CEO

Circa sette anni fa mi iscrissi a Twitter. Già dal profilo misi le mani avanti: “Come editore-scrittore vivo negli interstizi, sogno lettori che vogliano informarsi, non certo seguire le mie idee, peggio rafforzare i loro pregiudizi”. Mi sistemai ai margini del sistema, e pur non facendo nulla per “piacere”, dopo 7 anni, curiosamente, più di ...

QUANDO LA POLITICA SI FA HOTEL CALIFORNIA, SCAPPA

Amo leggere le lettere di licenziamento e di dimissioni. Lì si vede, in filigrana, lo spessore delle persone coinvolte, e la loro capacità di metabolizzare la sconfitta. Solo a quel punto ti  puoi mettere alla tastiera, spogliarti, e scrivere, scrivere. La scrittura è meglio dello psicanalista, lei non tradisce, mai. La lettera più bella che ho ...

SE DIVENTI OBESO MAI SARAI UN UOMO LIBERO

Sono un lettore disordinato, leggo ciò che mi capita, però ho fornitori di qualità che conoscono questa mia nevrosi, e ben mi approvvigionano. Un amico mi ha inviato l’ultimo rapporto FAO, l’Ente ONU che si occupa di agricoltura ed alimentazione. L’ho letto, e di colpo mi sono ricordato un episodio lontano, di circa trent’anni fa. ...

O’Leary è un birbante, ma almeno è sincero

Da anni studio il ceo capitalism (mio copyright), cioè un capitalismo “bastardo” che, rispetto a quello classico, che aveva al centro l’uomo inteso come lavoratore, ha messo sul piedistallo il consumatore e in suo nome vengono perpetrate le peggiori oscenità, producendo per lor signori enormi profitti. Mentre quello classico si avvaleva dei poteri intermedi della ...